Google AMP: indicizzazione mobile-first cambia la SEO

google amp seo

Con la recente decisione di rendere il ranking dei siti mobile-first Google ha di fatto imposto il proprio progetto AMP (che sta per Accelerated Mobile Pages) come lo standard de facto a cui tutti i siti si dovranno adeguare per mantenere il loro posizionamento sul motore di ricerca piu' usato al mondo.

google amp project

Questo significa che ogni pagina di un sito web deve avere anche la versione AMP, ossia una pagina con gli stessi contenuti in termini di testi, immagini, video ecc., ma alleggerita dal punto di vista del codice per essere fruibile meglio e piu' velocemente da dispositivi mobili.

Le restrizioni imposte dalle regole e tags specifici della versione AMP eliminano molti elementi che rallentano il sito, permettono un deciso abbattimento del peso di una pagina e del suo tempo di caricamento. Le testate giornalistiche, avendo contenuti per lo piu' in forma testuale, che lo hanno gia' adottato hanno fatto una scelta vincente.

Se prima esisteva il termine mobile responsive proprio ad indicare che un sito e' in grado di essere visualizzato anche da dispositivi mobili, ora non e' piu' sufficiente secondo Google in quanto se un sito e' visibile non e' detto che fornisca una buona esperienza utente.

La versione AMP ha diversi vantaggi rispetto al mobile responsive tradizionale. Infatti in media la versione AMP si carica quattro volte più velocemente e hanno un carico di dati dieci volte inferiore, alleggereno quindi le reti roaming e fornendo un abbattimento dei temi di attesa, migliorando l'esperienza utente.

Per questa ragione Google ha voluto dare un peso maggiore alle versione AMP rispetto alla versione originale per computer desktop, indicandola come prioritaria per il posizionamento SEO.

Per verificare le performance delle pagine di un sito web e' sufficiente andare sulla pagina PageSpeed Insight e mettere la URL della pagina web da analizzare.

Provocatoriamente ho testato la home del colosso di Mountain View (http://www.google.it) e casca all'occhio che la prima sezione indica le performance della pagina su i DISPOSITIVI MOBILI e solo la seconda sezione riguarda i computer DESKTOP.

pagespeed insights test

Se il sito della tua azienda non ha gia' integrato la versione Google AMP, questo è il momento per aggiornarlo e mantenere il posizionamento SEO sul motore di ricerca piu' usato.

Comments are closed.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la <a href="http://www.enricobilli.com/cookie-policy">cookie policy</a>. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi