Per i "non addetti ai lavori" apparentemente non e' cambiato nulla, ma il colosso di Mountain View ha apportato diverse modifiche e migliorie, cosi' il servizo di pubblicita' sul motore di ricerca piu' usato al mondo Google Adwords dal 27 giugno dell'anno scorso e' diventato Google Ads.

Nel 2017 Google Inc. ha chiuso l’anno con un fatturato pari a 97 miliardi di dollari, di cui circa l’86% derivava dalla pubblicita' : AdWords (quasi 79 miliardi di dollari) ed AdSense (poco piu' di 17 miliardi di dollari). Ma la competizione e' spietata con Facebook Business, quindi il servizio di pubblicita' ha dovuto fare una revisione.

Questo cambiamento fa parte di un progetto piu' ampio, del quale fa parte anche la nuova piattaforma Google Marketing Platform, che unisce in un unico prodotto DoubleClick per inserzionisti e Google Analytics 360. la versione a pagamento della popolare Google Analytics.

1. Cos'e' Google Ads

Per chi non fosse edotto, Google Ads è lo strumento messo a disposizione da Google per inserire nelle pagine di ricera e sui siti partner la pubblicità online, in particolare parliamo di tre categorie di annunci:

  • Testuali: ovvero le inserizioni sponsorizzate che compaiono ad inizio o fine pagina quando si fanno ricerche.
  • Immagini: in tutti quei siti che fanno parte del Network Adsense di Google;
  • Spot video: che consentono di pubblicare le inserzioni all’interno dei video che si trovano su YouTube.

La grande innovazione introdotta con questo strumento pubblicitario e' che l'utente riceve le pubblicita' in funzione di quello che sta cercando, non subendo inserzioni in modo casuale, e consente all'inserzionista di monitorare in tempo reale le performance delle campagne e modificarle in corso d'opera.

2. Come funziona

Google Ads mostra l'inserzione in base alle ricerche che un utente fa sul Google, cosiche' Google Ads ti permette di pubblicizzare una azienda e i prodotti/servizi che offre proprio nel momento in cui un utente ne ha piu' potenzialmente bisogno.

Le campagne pubblicitarie possono gestire piu' gruppi di annunci, personalizzati in base alle parole utilizzate nelle ricerca. Le performance dei singoli annunci sono misurate in modo preciso, ossia quanti utenti vedono la tua inserzione e quante persone cliccano sul link.

3. Quando usare Google Ads!

Pubblicizzare una azienda, un prodotto o un servizio richiede che il sito in cui atterrano i vostri potenziali clienti sia aggiornato e performante. Quindi quello che si consiglia sempre e' eseguire dei lavori di manutenzione sul sito web sia la migliore vetrina possibile della vostra attivita'.

Questo permette di guadagnare Ranking, ossia essere mostrato tra i primi risultati delle ricerche fatte su google, definite ricerche organiche. Questo lavoro e' definito ottimizzazione SEO, ma Google impiega dai 4 ai 6 mesi ad indicizzare il vostro sito, quindi nel breve periodo che si fa? Si utilizza Google Ads per le seguenti ragioni:
  • Visibilita' immediata: se ben impostata l'inserzione verra' mostrata in breve tempo (circa 4gg di tempo per essere giudicata conforme alla policy di Google);
  • Controllo immediato: Nel momento in cui l'inserzione non e' piu necessaria e' possibile interromperla o eliminarla in qualsiasi momento ad effetto immediato.
  • Controllo geografico: non solo si devono impostare le parole di ricerca, ma anche dove queste inserizoni dovranno essere visualizzate, in modo da raggiungere selettivamente in tutto il mondo il tuo target.
  • Promuovere diversi prodotti: nel caso degli e-commerce si puo' avere la necessita' di pubblicizzare prodotti anche diversi nello stesso momento. Con un'unica campagna Google Ads e' possibile gestire gli annunci per una intera gamma dei tuoi prodotti.

Una campagna Google AdS ha un solo scopo: promuovere velocemente i tuoi prodotti e/o servizi in modo da vendereli ed acquisire nuovi clienti. L'efficacia di una campagna va misurate in termini di ROI (Return of Investment), ossia rapporto tra i ricavi ottenuti e il costo delle campagne.

4. Quando Google Ads NON serve!

Come abbiamo anticipato all'inizio del precedente paragrafo, ci sono attivita' che devono essere avviate precedentemente o in parallelo alle campagne pubblicitarie con Google Ads. Quindi quando Google Ads non serve o e' poco efficace:

  • Sito obsoleto: infatti con Google Ads pubblicizzi un link, ovvero una pagina del tuo sito che vuoi che gli utenti vedano. Se il sito non e' in grado di fornire a tutti i dispositivi degli utenti le informazioni in modo corretto difficilmente l'investimento portera' ad una vendita.
  • Acquisire pubblico: farsi conoscere in rete richiede l'investimento di tempo e risorse su molti canali diversi. Fornire agli utenti contenuti che catturino l'attenzione e che siano considerati utili per acquistarne la fiducia. L'investire in Google Ads puo' diventare anche molto costoso, quindi ogni campagna deve essere mirata per uno scopo preciso e di cui le performance siano misurabili.

5. Cosa e' cambiato da AdWords?

La nuova piattaforma Google Ads fornisce esperienza migliore rispetto alla precedente. Sono stati fatti numerosi aggiornamenti nell'interfaccia di configurazione e quella verso gli utenti finali. Google ha copiato da Facebook la possibilita di indicizzare gli utenti con le stesse specificità e dettagli.

La nuova esperienza ha nuove funzionalità, non disponibili nella vecchia AdWords, che miglioreranno sicuramente con il tempo. A seguire alcune di queste funzionalita':

  • Click share anche nelle ricerche
  • CTA extension per annunci video
  • Pay for Conversions Bidding per campagne display
  • Audience Expansion Setting per campagne display
  • Optimization score migliorato
  • Smart Bidding per TrueView
  • Mobile page speed aggiornata per le pagine di destinazione
  • Report predefiniti aggiornati
  • Responsive display ads hanno tre nuovi aggiornamenti
  • Expanded call-only ads con testo

Comments are closed.

Consulente SEO - Enrico Billi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la <a href="http://www.enricobilli.com/cookie-policy">cookie policy</a>. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi